• Ancora sulla cancellazione semplificata

    cancellazione semplificata ulteriori dettagli

    Una domanda del pubblico ha consentito al notaio Massimo d’Ambrosio di ritornare sulla cancellazione semplificata (legge Bersani). In questo blog si è già trattata la problematica della “baby-cancellazione” che alcuni chiamano ormai la “cancellazione dei poveri” in diversi articoli a cui rinviamo per poter comprendere il breve intervento ora riportato.

    I precedenti scritti contenuti in questo blog sono:

    1. La cancellazione semplificata dell’ipoteca – Che succede nell’era del dopo-notaio
    2. Quando posso utilizzare la cancellazione semplificata dell’ipoteca?
    3. Estinzione del debito e cancellazione di ipoteca nel servizio de “Le Iene”

    Ecco la trascrizione letterale del breve intervento, e, a seguire il video originale del notaio d’Ambrosio

    Per la cancellazione semplificata….. voi forse non sapete che la cancellazione semplificata non è una esaustiva cancellazione perché per vari motivi la Banca ha 30 giorni di tempo per dire no, c’ho ripensato, non te lo cancello, e poi ci sono adesso anche delle sentenze che dicono che anche a distanza di anni quando intervengono fattori importanti, non so, un fallimento, vicende di cui la banca non poteva essere a conoscenza l’ipoteca può rivivere lo stesso, quindi non è una completa cancellazione. I conservatori si sono detti: “Come facciamo noi a cancellare l’ipoteca? La cancelliamo, il soggetto vede che non c’è più, poi rivive e se la prende con noi”.

    I conservatori si sono quindi inventati una cosa nuova, e cioè un “registro delle comunicazioni” delle Banche.

    Mentre la cancellazione del Notaio cancella, nel senso che l’ipoteca non ci sta più, se uno fa la verifica dopo. Con la cancellazione semplificata l’ipoteca c’è, però c’è anche un registro delle comunicazioni. E’ un escamotage all’italiana. Il risultato è che chi compra adesso un immobile con l’ipoteca, l’ipoteca se la tiene, mentre invece prima tutti quanti: “mi raccomando notaio, domani mattina firmi qua” e il notaio era in grado di cancellare l’ipoteca ad horas, immediatamente.

    desso con questo sistema c’è un risparmio nei confronti del cittadino, benissimo, ma questo risparmio ha comportato una diminuzione di certezze per chi compra una casa.

    Per carità al 99% dei casi va tutto liscio e tranquillo, siamo tutti onesti, però c’è una possibilità che quell’ipoteca rimanga o che l’ipoteca riviva. Ci fu un servizio delle Iene proprio su questo, mi sembra a Firenze, molto importante, un acquirente aveva comprato felice e contento, e aveva portato con se il foglio della banca che si era impegnata a fare la cancellazione, quella cancellazione però non è stata fatta, perché era uno di quei casi di cui vi dicevo. Il Legislatore le cose le faccia seriamente, si renda conto che non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.  Tutto qui grazie.

    notaio Massimo d’Ambrosio

    Cosa ne pensi dell’argomento? Ti è stato utile? L’hai trovato interessante? Condividilo sui tuoi social e commentalo con le tue idee o proponi le tue richieste di chiarimento qui di seguito!

    Il  video dell’intervento:

     

     

    Il notaio Massimo d'Ambrosio vi informa sempre! Votalo con 5 stelle! Grazie!
    [Voti: 12    Media Voto: 5/5]
    Ancora sulla cancellazione semplificata ultima modifica: 2016-01-10T01:19:16+00:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Rivolgersi al notaio

    Tag:, , , , , ,

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Lascia un commento