• Arriva la Wi-Fi Zone dal notaio d’Ambrosio

    wi-fi notaio d'AmbrosioAgli italiani piace sempre di più il wi-fi per il collegamento dei propri smartphone e dei propri pc portatili alla rete internet. Non si tratta solo della possibilità di sedersi sulla panchina di una piazza e navigare su internet liberi da cavi, fili e connessioni materiali, in quanto la gratificazione è quella di vivere in un mondo globale aperto istantaneamente da qualsiasi punto, anche passeggiando, a tutti gli angoli della terra, e rivolto agli sviluppi tecnologici e politici.

    L’esempio Wi-Fi di Milano

    La città di Milano ha vissuto in tempi recentissimi la più grande trasformazione europea verso il modello delle così dette smart-city . Grazie ai massicci investimenti stanziati per Expo 2015 il capoluogo lombardo è stato letteralmente ricoperto da hot-spot, tanto da diventare la prima città italiana, e una delle principali città europee, per numero di connessioni wi-fi.
    Con 370 aree collegate e i suoi 200.000 utenti Iscritti, che aumentano al ritmo di 400 iscritti al giorno la città di Milano è il primo centro italiano e il secondo a livello europeo (dopo Barcellona) per numero di accessi wi-fi.

    Il notaio d’Ambrosio e la tecnologia

    Oggi anche l’ufficio del notaio d’Ambrosio ha introdotto, nel suo piccolo, un pezzo di mondo e un contributo all’evoluzione tecnologica installando la rete wi-fi all’interno dei propri locali.

    Procedure di sicurezza per il Wi-Fi

    Tutti i clienti che desiderano collegarsi all’interno dello studio del notaio d’Ambrosio con i propri dispositivi mobili possono richiedere agli uffici il rilascio della password per la navigazione in internet .
    Purtroppo nonostante che il “decreto del fare”, istituito lo scorso agosto, abbia abrogato l’obbligo a suo tempo introdotto con il Decreto Pisanu di identificare gli utenti che accedono ad internet tramite wi-fi, i rischi di un collegamento libero alla rete rimangono tuttora rilevanti, a causa delle difficoltà che possono sorgere relativamente alla responsabilità dei titolari per eventuali attività illecite (truffe, invio di materiale illegale, attività criminale in genere) che altri possono compiere ma che si ripercuoterebbero nei confronti del gestore della rete wi-fi.
    Ecco perché, di fatto, la richiesta delle credenziali dell’utente rimane ancora un elemento importante, ancorché non obbligatorio, e lo studio del notaio d’Ambrosio non può fare eccezioni.

    Un servizio per la città

    Non di meno lo studio notarile d’Ambrosio, che forse è l’unico studio notarile in Italia a dotarsi del servizio nei confronti degli utenti, ha compiuto un rilevante passo avanti per la città di Pescara offrendo un servizio che, allo stato, la stessa amministrazione comunale della città di Pescara stenta a diffondere, salvo taluni esperimenti certamente di successo quali quelli della centralissima piazza della Rinascita o di piazza I maggio

    notaio Massimo d’Ambrosio – Pescara

    Wi-fi nello studio notaio d'Ambrosio

    Arriva la Wi-Fi Zone dal notaio d’Ambrosio ultima modifica: 2015-01-30T20:43:42+00:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Tutto sul Notaio d'Ambrosio

    Tag:, , , , ,

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Lascia un commento