• Cassetta di sicurezza del defunto. La apre il notaio.

    cassetta di sicurezzaDal momento della morte tutti i rapporti bancari (conti correnti, libretti di risparmio o di deposito, titoli, buoni fruttiferi, ecc…) in capo al defunto rimangono bloccati fino alla presentazione, da parte degli eredi, della dichiarazione di successione.

    La prima cosa da fare è quindi comunicare alla banca l’avvenuto decesso. Presumibilmente la banca richiederà agli eredi i documenti d’identità, il certificato di morte del de cuius, un atto notorio o una dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio e, se esiste un testamento, copia conforme dello stesso (pubblicato).

    Consegnata tutta questa documentazione la banca (o l’ ufficio postale) rilascia il certificato di consistenza delle liquidità del de cuius, che poi andranno indicate nella dichiarazione di successione.

    Fatta la dichiarazione di successione gli eredi (o legatari) potranno disporre delle somme secondo le regole della successione legittima o, se vi è testamento, secondo le indicazioni dettate dal de cuius nel testamento.

    La cassetta di sicurezza in banca

    Può capitare che il soggetto deceduto fosse titolare di una cassetta di sicurezza. Naturalmente anche il contenuto della stessa dovrà esse dichiarato nella denuncia di successione ai fini della determinazione dell’asse ereditario e dell’eventuale pagamento delle relative imposte.

    L’art. 1840, 2° comma, c.c. dispone che in caso di morte dell’intestatario o di uno dei cointestatari di una cassetta di sicurezza la banca non può consentire l’apertura della cassetta se non con l’accordo di tutti gli aventi diritto, o secondo le modalità stabilite dall’autorità giudiziaria.

    Può quindi affermarsi che quando l’intestatario è unico, gli aventi diritto sono gli eredi (legittimi o testamentari) e/o eventuali legatari. Nel caso, invece, di cointestazione, gli aventi diritto sono sia i soggetti sopra indicati, sia gli altri cointestatari ancora in vita.

    Quindi in caso di morte di uno dei cointestatari viene a cessare la facoltà di uso disgiunto della cassetta di sicurezza: nessuno può più aprirla senza il consenso di tutti gli altri aventi diritto. In caso di disaccordo o in casi particolari di non agevole reperibilità di tutti gli aventi diritto si rende necessario il ricorso all’autorità giudiziaria.

    Il verbale di  apertura da parte del notaio

    Le cassette di sicurezza, dopo la morte dell’intestatario o di uno dei cointestatari, possono essere aperte solo alla presenza di un funzionario dell’Amministrazione finanziaria o di un Notaio, che redige l’inventario del contenuto, previa comunicazione da parte del concedente all’ufficio del Registro, nella cui circoscrizione deve essere redatto l’inventario, del giorno e dell’ora dell’apertura, poichè gli oggetti o valori ivi contenuti concorrono alla formazione dell’asse ereditario ai fini del pagamento dell’imposta di successione.

    Se nella cassetta di sicurezza oltre a denaro ci sono altri beni di difficile valutazione (es. gioielli, quadri ecc..) è opportuno anche l’intervento di un perito che può essere nominato direttamente dal notaio oppure scelto dalla famiglia/eredi, che analizzerà tutti i beni presenti, li catalogherà e valuterà ai prezzi di mercato. Al termine della redazione, la cassetta verrà richiusa ed il verbale dovrà essere allegato alla dichiarazione di successione.

    Notaio Massimo d’Ambrosio

     

    L’hai trovato interessante? Non dimenticare di approfondire i temi del notaio Massimo d’Ambrosio  iscrivendoti al suo canale Youtube!

     

    Il notaio Massimo d'Ambrosio vi informa sempre! Votalo con 5 stelle! Grazie!
    Cassetta di sicurezza del defunto. La apre il notaio. ultima modifica: 2020-07-02T16:16:13+02:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Info e novità fiscali

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Comments are currently closed.

    6 Commenti su “Cassetta di sicurezza del defunto. La apre il notaio.

    • kors ha detto:

      Se muore il datore di lavoro di un badante…..gli eredi quanto tempo hanno per cambiare la ragione sociale del defunto dalla busta paga?

      • notaio ha detto:

        ehm… è un problema di consulenza del lavoro. Non c’entra il notaio… men che meno le cassette di sicurezza

    • claudio59 ha detto:

      Mia suocera e’ mancata il 4 gennaio 2020 abbiamo portato tutti i documenti in banca per aprire la cassetta ed in posta per sbloccare il conto ( questo a gennaio) ci hanno detto vi chiameremo ma ancora nulla. Quanto tempo puo’ passare dalla morte? C’e una scadenza?

    • apollo1872 ha detto:

      Buongiorno, vorrei gentilmente sapere (a grandi linee) qual è la tariffa richiesta da un notaio per l’apertura di una cassetta di sicurezza. Grazie mille.

      • notaio ha detto:

        Qui non si parla di soldi, ma solo di quesiti giuridici. In particolare non c’è risposta alla tua richiesta a causa delle variabili: metti ad esempio che si trovano gioielli e il notaio è obbligato dalla legge a chiamare un perito estimatore subito in banca a sue spese. Certo non sarà una operazione economica.