• 2 di 4 errori da non fare nella compravendita. Il contratto preliminare

    il preliminare dopo la proposta

    Antichi sigilli notarili del Regno delle Due Sicilie

    Il preliminare dopo la proposta

    Quanto abbiamo detto a proposito della proposta di acquisto (a cui rinviamo) a maggior ragione vale per il successivo contratto preliminare. Quello che si scrive nel contratto preliminare è definitivo ed irrevocabile, e non può essere modificato nell’atto definitivo di acquisto.

    Quante volte, nella mia esperienza professionale, mi è capitato di assistere a discussioni in cui l’una o l’altra parte non vogliono accettare nell’atto di acquisto determinate modalità di pagamento o aspetti di carattere apparentemente secondario, ma che al momento della compravendita acquisiscono con chiarezza tutta la loro importanza: ebbene quasi sempre una delle parti deve soccombere, accettando clausole che non avrebbe mai accettato, perché la controparte, esibendo il testo del preliminare,  fa osservare che in realtà c’è già stata accettazione dell’aspetto controverso, all’epoca considerato secondario, magari con un’espressione di carattere tecnico, su cui la parte neppure si è soffermata perché all’epoca non aveva ben chiari i riflessi successivi che avrebbe potuto significare.

    No al preliminare fai-da-te

    Grave errore è quindi un contratto preliminare fai-da-te, senza correre dal notaio chiedendogli previamente aiuto.

    Il preliminare viene spessissimo preso sottogamba, con superficialità, senza considerare che è un preliminare rispetto al definitivo, ma è un definitivo rispetto alle clausole da inserire nel definitivo! Si, può sembrare un gioco di parole, ma è così, in quanto il preliminare è un contratto, e quindi definitivo perchè tutti i contratti sono definitivi: un contratto preliminare definitivo!

    Come dicevamo, districarsi nelle clausole del preliminare è competenza notarile, specie se esse debbono essere lette in prospettiva del definitivo. Non chiedere consiglio al notaio e magari pensare di fare da se copiando qualche formulario su internet è una imprudenza che certo non suggerisco. Per quanto riguarda poi il vero preliminare notarile registrato e trascritto, il cui costo è oltretutto parzialmente recuperabile dai costi della compravendita, vi esorto a seguire i miei consigli!

    notaio Massimo d’Ambrosio

    Cosa ne pensi dei consigli del notaio sul contratto preliminare? L’articolo ti è stato utile?  Condividilo sui tuoi social e commentalo con le tue idee o proponi le tue richieste di chiarimento qui di seguito!

     

    Ascolta i video della nuova serie “Stipulare informati” sulla compravendita di immobili

    Il notaio Massimo d'Ambrosio vi informa sempre! Votalo con 5 stelle! Grazie!
    [Voti: 12    Media Voto: 5/5]
    2 di 4 errori da non fare nella compravendita. Il contratto preliminare ultima modifica: 2016-09-26T14:52:42+00:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Rivolgersi al notaio

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Lascia un commento