• Cos’è e come si ottiene la copia esecutiva?

    copia esecutivaPer poter iniziare un’esecuzione forzata (ad esempio un pignoramento), il creditore deve essere munito di un titolo esecutivo: senza titolo, infatti, qualsiasi esecuzione forzata è illegittima.

    Dunque il titolo esecutivo è l’atto scritto che accerta il diritto del creditore e l’obbligazione del debitore: la copia esecutiva- titolo esecutivo, è cioè il  documento che attribuisce cioè al creditore il potere di agire nei confronti del debitore in via esclusiva,  pignorando una parte del patrimonio del debitore.

    Il possesso di un titolo esecutivo permette di saltare tutta la fase del processo di cognizione con cui si mira ad affermare un diritto come esistente, violato o non attuato, che abbisogna di tutela, che quel diritto appartenga al soggetto che agisce (creditore) nei confronti del soggetto contro il quale agisce (debitore), e che quel diritto è fondato su norme giuridiche.

    Con la copia esecutiva si può procedere direttamente all’esecuzione forzata senza dover dimostrare l’esistenza del diritto e la legittimazione ad agire, in quanto implicite nel titolo stesso.

    Titolo e copia esecutiva

    Il titolo esecutivo può consistere in un provvedimento giudiziale (titolo esecutivo giudiziale) o in un atto stilato dalle parti fuori dal giudizio (titolo esecutivo stragiudiziale), come l’atto notarile per le obbligazioni di denaro in esso contenute e anche per gli obblighi di consegna o rilascio di beni mobili e immobili.

    Il creditore che sia in possesso di un titolo esecutivo è vuole servirsene deve richiedere il rilascio di una copia esecutiva. La copia esecutiva viene rilasciata apponendo sul titolo la cd. formula esecutiva, la quale riporta l’intestazione “Repubblica Italiana – In nome della legge” e l’enunciazione della seguente formula: «comandiamo a tutti gli ufficiali giudiziari che ne siano richiesti e a chiunque spetti, di mettere a esecuzione il presente titolo, al pubblico ministero di darvi assistenza, e a tutti gli ufficiali della forza pubblica di concorrervi, quando ne siano legalmente richiesti».

    Una sola copia esecutiva!

    Il codice di procedura civile prevede espressamente che non può spedirsi senza giusto motivo più di una copia in forma esecutiva alla stessa parte. Le ulteriori copie in caso di distruzione o smarrimento della prima sono chieste dalla parte interessata, in caso di provvedimento, con ricorso al capo dell’ufficio che lo ha pronunciato, e, negli altri casi, al presidente del tribunale nella cui circoscrizione l’atto è stato formato.

    La legge esprime il divieto di rilascio di più di una copia in forma esecutiva la cui ratio è quella di assicurare che non siano in circolazione più copie esecutive contro la stessa persona, fatta eccezione il caso in cui ricorra un giusto motivo. Per giusto motivo, la dottrina intende il caso di perdita non imputabile, e cioè sottrazione, smarrimento o distruzione.

    Ecco perchè sarà consentito il rilascio di un’ulteriore copia. Come accennavamo  la parte interessata ad ottenere il rilascio di una successiva copia con formula esecutiva deve rivolgersi al capo dell’ufficio giudiziario che ha pronunciato il provvedimento.

    Se si tratta invece di un atto stragiudiziale (come un atto notarile) sarà necessario chiedere l’autorizzazione al Presidente del Tribunale nel cui circondario si è formato l’atto, il quale si pronuncia con Decreto.

    notaio Massimo d’Ambrosio

    Cosa ne pensi della copia esecutiva e del processo di esecuzione? L’articolo ti è stato utile? L’hai trovato interessante? Condividilo sui tuoi social e commentalo con le tue idee o proponi le tue richieste di chiarimento qui di seguito!

    [Voti: 2    Media Voto: 5/5]
    Cos’è e come si ottiene la copia esecutiva? ultima modifica: 2016-06-19T23:38:47+00:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Info e novità immobiliari

    Tag:, , , ,

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Lascia un commento