• I diritti e i doveri nel matrimonio e nella famiglia

    anelli di matrimonioCome è noto il Consiglio Nazionale del Notariato sta portando avanti con le associazioni dei consumatori una intensa collaborazione, che ha come risultato la elaborazione e pubblicazione di strumenti informativi dal taglio divulgativo che però si caratterizzano per il non fare sconti alla precisione tecnico-giuridica delle informazioni e alla completezza del panorama che viene presentato agli utenti.  Per una più analitica disamina vedi il nostro scritto su questo blog.

    La Guida

    L’ultimo prodotto di questa interessante collaborazione è la guida “Il matrimonio. Diritti e doveri in famiglia” presentata recentemente alla stampa e che viene distribuita gratuitamente a tutti coloro che ne fanno richiesta. Oltre a essere disponibile attraverso il sito web del Consiglio Nazionale del Notariato. La potrete leggere anche in fondo a questo articolo.

    La nuova guida, che è l’undicesima della serie, ci offre un excursus sulle varie tipologie di matrimonio esistenti in Italia, sugli effetti giuridici che producono nel nostro ordinamento, soffermandosi sulle nuove procedure di divorzio per negoziazioni assistite e per richiesta congiunta dinanzi all’ufficiale dello Stato Civile.
    Sappiamo tutti infatti che dallo status di coniuge scaturiscono importanti effetti che riguardano gli aspetti patrimoniali, previdenziali e successori, oltre che casi particolari come le autorizzazioni al trapianto di organi e tessuti.
    Il lavoro è pregevole, perché cerca di fare chiarezza in un settore soggetto ad opinioni ed interpretazioni spesso discordanti che causano incertezze, insicurezze che da molti sono ricollegate alla crisi del matrimonio in Italia.

    In Italia ci si sposa sempre meno

    Negli ultimi vent’anni, come ci dicono i dati Istat, la flessione dei matrimoni in Italia è stata rilevante, e nel 2013 si sono celebrati 145.571 matrimoni cioè oltre 40.000 in meno degli ultimi 5 anni. Quali siano i motivi li accenna il notaio d’Ambrosio in una itervista televisiva. 
    Senza contare che di questi matrimoni ce ne sono circa 26.000 con almeno uno sposo straniero, tra i quali nela stragrande maggioranza (14.383 matrimoni) la sposa di cittadinanza straniera.

    La sposa dell’est Europa è ambita

    Degno di rilievo è la circostanza che la metà delle 14.383 spose straniere è cittadina di un paese dell’est Europa.
    Di contro, crescono invece nuove modalità di vita in comune, perché in Italia vi sono oltre 4.000.0000 di single non vedovi, altri 4.000.000 quelli che vivono in famiglie di mono genitori non vedovi, altri 3.000.000 che vivono in famiglie di non coniugati e quasi 2.000.000 quelli che vivono in famiglie ricostituite coniugate. Ciò vuol dire che oltre 13.000.000 di italiani, e cioè il 21% della popolazione, vive in famiglie non tradizionali.

    Le coppie di fatto

    Aumenta poi in maniera rilevante la tendenza all’unione non formalizzata, che rappresenta il 7% delle coppie in Italia e diminuisce fortemente il numero delle coppie decise a sposarsi dall’inizio della loro unione che ammonta al 34%.
    Il vostro notaio sarà in grado di darvi i migliori consigli perla sistemazione patrimoniale dei beni in famiglia con particolare riferimento al diritto successorio, in quanto al coniuge, in qualità di legittimario, spetta il diritto ad una determinata quota di patrimonio del defunto e al diritto di abitazione della casa coniugale con l’uso dei beni mobili in essa contenuti.

    notaio Massimo d’Ambrosio – Pescara

    Guida Il_Matrimonio Frontespizio

    I diritti e i doveri nel matrimonio e nella famiglia ultima modifica: 2015-09-27T22:14:36+00:00 da notaio
    Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on Twitter

    Categoria: Rivolgersi al notaio

    Tag:, , , , , ,

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Lascia un commento