• Che cos’è e a che serve la eredità giacente? | Notaio d’Ambrosio

    eredità giacenteSe l’eredità non è stata accettata da alcuno e non vi sia nessuno nel possesso dei beni ereditari, per evitare che il patrimonio resti privo di tutela giuridica, il Tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, su istanza delle persone interessate (ad esempio i creditori del defunto), oppure anche d’ufficio, nomina un curatore dell’eredità stessa che opera con funzioni di amministratore sotto la vigilanza del Giudice.

    La ratio è quella di garantire la conservazione e l’amministrazione del patrimonio ereditario nel periodo intercorrente tra il momento dell’apertura della successione mortis causa (coincidente con la morte della persona) e quello dell’eventuale accettazione dell’eredità da parte del chiamato, al fine di evitare che in tale arco temporale il patrimonio ereditario rimanga privo di tutela giuridica e che subisca pregiudizi in danno degli eredi (o legatari) o di eventuali creditori del de cuius.

    Dal punto di vista pratico l’esigenza della dichiarazione della giacenza dell’eredità si profila anche nel caso in cui i chiamati all’eredità sono ignoti, e, in quanto tali, non abbiano accettato l’eredità né siano nel possesso dei beni ereditari. Pertanto ogni qual volta il patrimonio ereditario è privo di soggetti che lo possano amministrare, si ravvisa la necessità della dichiarazione dell’eredità giacente con la contestuale nomina di un curatore della stessa.

    Compiti del curatore della eredità giacente

    Il curatore ha il compito di salvaguardare gli interessi dell’eredità, occupandosi di farne l’inventario, rispondere ad eventuali istanze proposte contro di essa, amministrarla o devolverla allo Stato se essa non viene accettata. Il curatore può dunque compiere tutti gli atti ritenuti utili alla conservazione ed alla migliore amministrazione del patrimonio.

    In merito all’attività di ordinaria amministrazione il curatore può agire in modo autonomo fatta salva la vigilanza dell’autorità giudiziaria che ha proceduto alla nomina della stesso, mentre per gli atti che vanno oltre l’ordinaria amministrazione, come il pagamento dei debiti ereditari o la vendita di beni ereditari, il curatore deve chiedere l’autorizzazione del Giudice. Infatti, tutti i compiti del curatore sono vigilati dal Giudice, il quale può in qualsiasi momento chiederne conto al curatore e, se opportuno, revocarne la nomina.

    Il curatore ha dunque il compito di curare gli interessi dell’eredità fino al momento in cui quest’ultima venga accettata o, in mancanza di successibili, venga devoluta allo Stato e deve rendere conto della gestione al Tribunale, il quale l’approva e liquida il compenso al curatore prima di dichiarare la cessazione della procedura. Di conseguenza l’ufficio del curatore cessa se interviene accettazione da parte di un erede o, in assenza di eredi, nel momento della devoluzione allo Stato a 10 anni dalla morte.

    notaio Massimo d’Ambrosio

    Cosa ne pensi della eredità giacente? L’articolo ti è stato utile? L’hai trovato interessante? Condividilo sui tuoi social e commentalo con le tue idee o proponi le tue richieste di chiarimento qui di seguito!

    Il notaio Massimo d'Ambrosio vi informa sempre! Votalo con 5 stelle! Grazie!
    Che cos’è e a che serve la eredità giacente? | Notaio d’Ambrosio ultima modifica: 2016-08-10T23:25:18+02:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Info e novità notarili

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Comments are currently closed.

    2 Commenti su “Che cos’è e a che serve la eredità giacente? | Notaio d’Ambrosio

    • k ha detto:

      Gentile notaio, la leggo sempre con estremo interesse poiché lei spiega le cose in maniera chiara. Vorrei cortesemente sapere quanto segue poiché sto aiutando 5 ultra ottantenni in merito al decesso della loro prima cugina, deceduta da sola in casa e senza altri eredi alcuni tranne questi 5 – abbiamo anche fatto tutte le ricerche e abbiamo documenti

      1. Abbiamo inviato lettera in questura tramite incaricato che dice che rappresenta i possibili eredi
      2. Questura non considera la PEC ed invia fascicolo in tribunale che mette curatore eredità giacente
      3. Incontriamo curatore che dice che meglio aspettare a fare la dichiarazione di notorietà così lui intanto vende i beni intrasorma in contanti data l’età degli eredi
      4. Noi vorremmo sapere se possiamo andare dal notaio e fare dichiarazione di notorietà cioè gli eredi sono loro e a loro conoscenza non ci sono altri eredi (facendo vedere tutte le carte).

      Vorremmo andare in tribunale e mettere questa dichiarazione agli atti per fare rimuovere il procuratore statale w chiedere di sostituire questo con uno nostro che pagheremmo noi (anche perché quello dello stato Comunque prende i soldi dal patrimonio della defunta )

      Se nominiamo noi questo può sostituirsi a quello dello stato e pagare le spese pregresse usando i fondi ? (Le 85enni non hanno tanti soldi per pagare le spese direttamente )
      Dopodiché come si fa ad accettare eredità ? Si riva dal notaio una volta aperta successione ?

      Ringrazio anticipatamente.

      • notaio ha detto:

        Vicenda incomprensibile. Perchè non avete fatto la normale successione? Chi sono questi eredi misteriosi? Perchè avete chiesto la nomina del curatore? Comunque la revoca del curatore spetta solo al Tribunale. Andate da un (bravo) avvocato