• No alla falsa informazione contro i notai

    notaio massimo d'ambrosioIgnoranza tecnica e giuridica? Superficialità dell’osservatore non acculturato? Strategia dei poteri che non vogliono il controllo dei notai?  Ricerca di consenso facile dei politici? Escamotage per evitare di pagare tasse? Tentativo di sopraffare il più debole? Ricerca dei gruppi economici di fare il comodo loro? Obiettivo di quelli che si credono i più forti di schiacciare la controparte senza medievali controllori tra i piedi?

    Non sappiamo. Certo è che sui notai italiani si sono addensati moltissimi luoghi comuni derivanti da falsa informazione che da queste pagine stiamo cercando di sfatare attraverso una informazione veritiera ed equilibrata, scevra da polemiche, e nell’interesse del Paese.

    Una iniziativa semplice, efficace e di effetto è stata varata dal Consiglio notarile di Bergamo che, attraverso un messaggio immediato, ha colpito nel segno, stroncando le baggianate e i luoghi comuni che si sono addensati sul notariato. Ormai la guerra dell’informazione coinvolge tutti i cittadini, come ho spiegato anche nel mio recente intervento al Convegno di Roma del 10.7.2015, intitolato appunto “La guerra dell’informazione e il notariato italiano” a cui vi rinvio.

    Qui di seguito la iniziativa del Consiglio di Bergamo intitolata “Vero o falso” che andrebbe letta subito, ma anche meditata! Cliccate sul documento!

    notaio Massimo d’Ambrosio – Pescara

    falsa informazione notai notaio massimo d'ambrosio

    Il notaio Massimo d'Ambrosio vi informa sempre! Votalo con 5 stelle! Grazie!
    [Voti: 9    Media Voto: 5/5]
    No alla falsa informazione contro i notai ultima modifica: 2015-07-12T12:41:14+00:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Notai e liberalizzazioni

    Tag:, , , , , , , , , , , ,

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Lascia un commento