• Partita la newsletter n. 4 del notaio d’Ambrosio

    logo newsletter n. 4L’appuntamento tradizionale con i “fan” dello studio del notaio Massimo d’Ambrosio è dato dalla periodica newsletter che viene inviata ogni quattro mesi circa a un nutrito, ma selezionato, elenco di destinatari che ne hanno fatto richiesta o che sono in rapporti con lo studio del notaio d’Ambrosio.
    Poiché l’invio è automatizzato e gestito da un software apposito possono verificarsi certamente degli errori, nel senso che la newsletter non venga inviata a qualcuno che desidera riceverla o magari venga inviata a qualcuno che non ne ha fatto richiesta e non rientra nella rosa dei clienti o degli utenti dell’ufficio del notaio d’Ambrosio. Non cesseremo mai di scusarci dei disguidi dovuti al software ancora in fase di testaggio e rinviamo comunque alle avvertenze situate in fondo alla newsletter che danno una indicazione chiara e semplice su come disinserirsi automaticamente dall’elenco dei destinatari: basta rispondere alla newsletter indicando nell’oggetto la parola “unsunscribe” e il software cancellerà automaticamente il destinatario dall’elenco (speriamo).
    La newsletter n. 4 porta in evidenza taluni degli argomenti che hanno maggiormente impegnato negli ultimi mesi l’attività dello studio del notaio d’Ambrosio nell’esercizio del suo svolgimento professionale.
    Rilevanti sono le ricerche sulla responsabilità del notaio per abusi edilizi, già oggetto di altri articoli, che sono stati confermati dalle recentissime pronunce della Suprema Corte di Cassazione.
    Un interessantissimo aneddoto che riguarda il notariato è quello della autentica dell’atto di abdicazione del Re d’Italia che scelse un rigoroso e solerte notaio professionista di Napoli per l’autenticazione del documento preferendolo al notaio del Regno che era, all’epoca, il Presidente del Consiglio onorevole De Gasperi.
    Richiami importanti vengono fatti alla problematica degli atti in lingua estera, essendo sempre più frequente la richiesta ai notai di autentiche o di stipule di atti in lingua straniera che debbono essere utilizzati in paesi diversi dall’Italia e che vedono però l’ostacolo ancora esistente nell’uso necessario della lingua italiana, che è ancora , al momento in cui si scrive, la lingua ufficiale del nostro paese.
    L’attività di autenticazione di copie di pagine web ha il suo rilievo anche nella newsletter n. 4, essendo ormai un occasione non più rarissima che si chieda di “trasformare” un messaggio internet in un messaggio cartaceo. Si pensi, ad esempio, a tutte le ipotesi in cui la pagina web debba essere presentata in giudizio o comunque utilizzata per regolamenti contrattuali che continuano ancora a richiedere necessariamente il mezzo cartaceo per la conoscenza e l’utilizzo della manifestazione di volontà avente valore legale.
    Un altro richiamo è quello alla divertente scomparsa delle banconote di grosso taglio, e cioè quelle da 500 e da 200 Euro, nella circolazione nel nostro paese. In una audizione alla Commissione Antimafia lo stesso Governatore della Banca d’Italia si è dimostrato sorpreso di questo fenomeno, senza rendersi conto che è proprio il suo istituto di emissione il principale responsabile del drenaggio che le banche italiane stanno facendo delle banconota da 500 e da 200 Euro. L’enorme numero di biglietti ritirati dalle banche italiane dimostrano che è il nostro paese che ha in antipatia le banconote da 500 e da 200 Euro, ma alle quali non può rinunciare, trattandosi di decisioni comunitarie, sicchè stiamo di fatto ritirando dalla circolazione mondiale tutte le banconote che hanno la ventura di passare in Italia. Tutti i paesi europei continuano a stampare banconote da 500 euro che quando passano in Italia vengono bloccate dal sistema finanziario creditizio italiano. Mi domando che cosa se ne fanno le banche di questa enorme massa di banconote da 500 e 200 Euro, e se cioè le distruggono, o magari le ricollocano in circolo presso altri paesi alimentando il flusso inverso dall’estero verso l’Italia.

    notaio Massimo d’Ambrosio – Pescara

    newsletter 04

    Partita la newsletter n. 4 del notaio d’Ambrosio ultima modifica: 2015-03-06T16:46:14+00:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Tutto sul Notaio d'Ambrosio

    Tag:, , , ,

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Lascia un commento