• Tutto sulla prelazione agraria. Cosa fare?

    prelazione-agraria-notaio-d-ambrosioLa prelazione è diritto ad essere preferito rispetto a chiunque altro, a parità di condizioni, nella conclusione di un determinato contratto. La prelazione può essere volontaria (se costituita per accordo fra le parti), oppure legale (se prevista dalla legge).

    Tra le prelazioni legali vi è quella agraria   che consiste nel diritto di essere preferiti ad altri per l’acquisto di un terreno agricolo, quando il proprietario decide di venderlo. La prelazione agraria è sempre stata fonte di liti e controversie e la giurisprudenza ha avuto modo di pronunciarsi molte volte sull’argomento, fornendo di volta in volta una soluzione a molte questioni dubbie. Ecco i dettagli della prelazione negli immobili urbani che abbiamo già trattato.

     A chi spetta il diritto di prelazione?

     Il diritto di prelazione spetta anzitutto al coltivatore diretto (o società agricola in cui almeno la metà dei soci sia coltivatore diretto) che conduce in affitto, da almeno due anni, il terreno offerto in vendita. Solo se il terreno non è affittato a un coltivatore diretto (o società agricola), hanno invece il diritto di prelazione i coltivatori diretti (o società agricole in cui almeno la metà dei soci sia coltivatore diretto) proprietari di terreni confinanti.

    Lo scopo di queste norme è quello di favorire lo sviluppo dell’agricoltura in primis attraverso l’acquisto dei terreni agricoli da parte di chi effettivamente li coltiva, ai fini della riunione nella stessa persona della qualità di proprietario del fondo e di lavoratore della terra (prelazione da parte del conduttore del fondo), ed in subordine quello dell’accorpamento dei fondi agricoli al fine di migliorare la redditività dei terreni (prelazione da parte del confinante).

    Quindi il diritto di prelazione è espressamente escluso dalla legge quando il terreno si trova in zona edificabile e anche quando il terreno agricolo è oggetto di permuta, vendita forzata, liquidazione coatta, fallimento ed espropriazione per pubblica utilità, oltre che, naturalmente, in caso di donazione. Questo perchè il diritto di prelazione è riconosciuto solo a parità di condizioni e mentre nella compravendita il corrispettivo è dato dal denaro, che è un bene fungibile e che può essere pagato da tutti, nelle altre ipotesi o la controprestazione o è infungibile (come nella permuta) o manca del tutto (come nella donazione).

     Modalità per l’esercizio del diritto di prelazione agraria

    Per consentire l’esercizio della prelazione, il proprietario che intende vendere il terreno è tenuto a notificare la proposta di vendita, con lettera raccomandata, all’affittuario o ai confinanti, allegando il contratto preliminare di compravendita (compromesso) contenente il nome dell’acquirente, il prezzo e le altre condizioni stabilite per la cessione.

    Il destinatario della notifica ha trenta giorni di tempo per esercitare il diritto di prelazione. Se comunica la sua intenzione di esercitare il diritto, il contratto si intende concluso, e il prezzo deve essere pagato entro tre mesi. Decorsi i termini senza che sia stata comunicata l’intenzione di esercitare la prelazione, il terreno può essere liberamente venduto (ovviamente alle condizioni indicate nel preliminare di vendita). E discutibile se sia anche possibile vendere il terreno prima del decorso dei termini se si ottiene una rinuncia scritta da parte degli aventi diritto, poichè molte sono le sentenze della Cassazione che non riconoscono validità ad una simile rinuncia qualora non siano ancora decorsi i termini. Secondo l’orientamento giurisprudenziale, infatti, il prelazionario deve avere a disposizione un congruo termine per decidere se esercitare o meno la prelazione, al fine di consentirgli di valutarne la convenienza e tale termine è necessariamente di 30 giorni dalla notificazione.

     Il diritto di riscatto

     Quando il terreno viene venduto senza fare la notificazione, oppure quando il prezzo indicato nella notificazione è superiore a quello risultante nel contratto di compravendita, l’avente diritto alla prelazione può riscattare il terreno dall’acquirente entro un anno dalla trascrizione della vendita nei registri immobiliari.

    Il riscatto (o retratto) è infatti il rimedio tipico previsto per l’ipotesi di violazione della disciplina sulla prelazione: è il rimedio che serve a ripristinare gli stessi obiettivi perseguiti dalla legge con la prelazione nel caso di sua violazione.

     Il ruolo del notaio nella prelazione agraria

     Ma passiamo ora al ruolo ed alle responsabilità del notaio allorquando si trova a rogare un atto che abbia per oggetto un fondo agricolo. La legge attribuisce espressamente al proprietario del fondo (e non al notaio!) il compito di informare l’eventuale acquirente della esistenza di un diritto di prelazione, e di effettuare al coltivatore preferito le previste notifiche. Spetta poi al coltivatore interpellato il compito di fornire le adeguate risposte, e di effettuare il previsto versamento del prezzo nei termini di legge. In questa situazione il notaio viene ad assumere soltanto il ruolo di pubblico ufficiale rogante, chiamato ad esplicare la sua attività, solo dopo che il meccanismo della prelazione sia stato già attivato dai soggetti interessati. Il notaio deve solo, sul piano della mera diligenza professionale ed al fine di evitare che l’acquirente subisca il retratto, limitarsi a chiedere al venditore:

    – se esistono o meno aventi diritto alla prelazione agraria;

    – in caso affermativo se il venditore ha effettuato o meno le notificazioni;

    – in caso positivo se l’avente diritto ha esercitato o meno la prelazione.

    Il notaio deve quindi informare le parti sui rischi di una prelazione non attivata e fornire insomma tutti i consigli destinati a dare il massimo di certezza e di regolarità all’atto di compravendita posto in essere, ma non è tenuto affatto ad indagare sulla veridicità delle dichiarazioni fornite dalle parti, non è tenuto ad indagare per suo conto se esistono o meno aventi diritto alla prelazione,  e non può opporsi al ricevimento del rogito qualora ne sia richiesto.

    notaio Massimo d’Ambrosio

    Cosa ne pensi della prelazione agraria? L’articolo ti è stato utile? L’hai trovato interessante? Condividilo sui tuoi social e commentalo con le tue idee o proponi le tue richieste di chiarimento qui di seguito!

    Tutto sulla prelazione agraria. Cosa fare? ultima modifica: 2016-08-23T10:47:17+00:00 da notaio
    Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on Twitter

    Categoria: Info e novità immobiliari

    Tag:, , , ,

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    100 Commenti su “Tutto sulla prelazione agraria. Cosa fare?

    • Dom ha detto:

      Buongiorno,
      Il diritto di prelazione agraria spetta anche al confinante del terreno che se NON è coltivatore diretto ?

    • Ale7856 ha detto:

      La ringrazio per l’articolo. Stavo cercando informazioni sulle vendite di terreni agricoli in quanto sto trattando la vendita di un fondo agricolo ed ho notificato la proposta ad entrambi i confinanti (coltivatori diretti) i quali hanno deciso di esercitare il diritto di prelazione offrendo entrambi la medesima cifra ed allo stesso modo entrambi vantano criteri giurisprudenziali per cui dovrei preferire una parte all’altra.
      Visto che sono entrambi determinati all’acquisto ho il timore di dover rispondere per evizione in seguito ad un’eventuale riscatto in futuro da parte di uno dei due confinanti.
      Non sarebbe opportuno secondo Lei l’intervento del legislatore per rendere più chiari i criteri con cui individuare il soggetto che prevale in caso di più diritti di prelazione per tutelare il proprietario dai rischi della responsabilità precontrattuale e dalla garanzia per evizione?
      Grazie

      • notaio ha detto:

        Concordo con te. La prelazione agraria è infatti disciplinata da poche norme dettate dal legislatore molto tempo fa, e da una serie di sentenze in cui i giudici hanno fornito le loro interpretazioni, spesso contrastanti, per colmare le lacune normative. Nel caso di prelazione spettante al confinante coltivatore diretto la legge prevede che: il confinante deve coltivare il fondo da almeno due anni; il confinante non deve aver venduto, nel biennio precedente, altri fondi rustici; il fondo per il quale il confinante intende esercitare la prelazione, in aggiunta a tutti gli altri da lui posseduti, non deve superare il triplo della superficie corrispondente alla capacità lavorativa della sua famiglia. A esatta parità delle condizioni che ho elencato non resta che affidarsi al giudizio dei giudici.

    • ABO ha detto:

      Buonasera,
      il compromesso di vendita, da allegare alla proposta di vendita ai fini di consentire l’esercizio della prelazione, deve essere registrato o è sufficiente che sia sottoscritto dalle parti?

      • notaio ha detto:

        Si può notificare all’avente diritto anche una fotocopia! Poi c’è l’obbligo di registrare qualsiasi contratto… ma questo è un altro problema. Non ho ben capito però che vuole mandare. Basta semplicemente una copia del preliminare.

        • ABO ha detto:

          La ringrazio.
          Avevo il dubbio di non aver agito correttamente in quanto ho inviato al confinante una copia del preliminare, firmata ovviamente ma non registrata. Il dubbio mi è sorto perchè ultimamente ho venduto un appartamento e l’agenzia di intermediazione ha fatto registrare il preliminare spiegandomi che, affinchè il compromesso sia regolare e possa essere fatto valere, deve essere registrato.

    • Paola2000 ha detto:

      Buonasera,
      esiste diritto di prelazione da parte di un coltivatore diretto confinante con una particella lontana dal corpo principale aziendale (oltrechè separata da strade comunali).
      Il diritto varrebbe per tutti i fondi dell’azienda agricola?

    • Paola2000 ha detto:

      Caso di vendita di azienda costituita da vari appezzamenti.
      L’azienda agricola è costituita da un corpo principale e funzionale, e possiede anche una piccola particella posta nello stesso comune ma distante un km e separata da strade comunali e interpoderali e da corsi d’acqua.
      Il confinante Coltivatore Diretto di questa piccola particella, avulsa dal resto, ha diritto alla prelazione sul tutto?

    • gigabob ha detto:

      Buongiorno, volevo un informazione…conduco un terreno con un contratto d’affitto di 10 anni dal 2011 e scadente nel 2021. Ho saputo che il proprietario del terreno potrebbe averlo venduto senza avvisarmi. Io sono interessato ad acquistarlo..posso fare qualcosa? E’ vero che alla scadenza del contratto il terreno è libero da prelazioni e quindi può essere acquistato da chiunque?
      grazie

      • notaio ha detto:

        Vai a controllare in Conservatoria se l’ha venduto o no! Semplice! Se si hai il diritto di riscatto per un anno dalla vendita. – Si, se non sei più affittuario non hai diritto alla prelazione (salvo altri titoli, come, ad esempio, essere confinante coltivatore diretto)

    • gigabob ha detto:

      che tipo di ricerca devo fare? ma può depositare un atto prima della fine del mio contratto d’affitto?

      • notaio ha detto:

        Comprendo le sue difficoltà… ma non posso aiutarla arrivando a darle l’indirizzo e il telefono della Conservatoria: se non è in grado di fare da solo (e potrebbe farlo) suggerisco di rivolgersi ad un notaio pagando le spese. La sua seconda domanda non è pertinente: può vendere anche un giorno prima del suo contratto di affitto, ma nulla cambia: il diritto fino alla scadenza del suo contratto, le rimane.

    • Paola2000 ha detto:

      Sempre riguardo la prelazione del confinante.
      Vale ancora la regola che il terreno confinante debba essere coltivato in modo continuativo da almeno due anni?
      Questa regola poi vale per la situazione di fatto? (cioè se è effettivamente abbandonato con i rovi)
      o di diritto? (cioè se ci prende la PAC il coltivatore diretto, non vuol dire che la coltiva se il terreno è abbandonato a se da 5 anni)

      • notaio ha detto:

        Si, vale ancora, ma è una situazione di fatto (non formale) che è difficilissima da dimostrare in giudizio. Basti pensare alla casistica delle “interruzioni”: se il coltivatore diretto proprietario di fondo confinante lo coltiva ininterrottamente da 10 anni (e quindi ha acquisito il pieno diritto), ma ha smesso di coltivarlo negli ultimi due anni ciò è condizione sufficiente a farlo decadere dal diritto?

    • Alex79 ha detto:

      Buongiorno,
      Io sono un coltivatore diretto regolarmente iscritto all’ INPS, dovrei acquistare le nude proprietà di diversi terreni, vorrei capire se coloro che confinano con questi terreni si possano definire coltivatori diretti anche se sono coltivatori diretti in pensione o fanno lavorare i figli senza pagare contributi.
      Per essere definito coltivatore diretto o I.A.P. non dovrebbero essere iscritti all’INPS o essere quantomeno ingaggiati da terzi?

      I

      • notaio ha detto:

        Risposta affermativa. La qualifica di coltivatore diretto , che coltiva il fondo, deve essere in capo al proprietario del fondo confinante. Il problema sarà probatorio: il confinante cercherà di dimostrare che lo è.

        • Alex79 ha detto:

          Grazie per la risposta,
          Essendo io coltivatore diretto devo dare prelazione solamente ai miei colleghi.
          Esiste un modo certificato per sapere se i vari confinanti lo sono?
          Da quello che ho capito devo avvertire solo eventuali coltivatori diretti della trattativa, quindi, vorrei un dato certo per evitare di perdere il terreno.
          Per esempio visure camerali che dimostrino in maniera univoca che il fondo non sia di proprietà di un collega.
          A chi mi posso rivolgere in tal caso?

          • notaio ha detto:

            La prelazione spetta al proprietario o affittuario del fondo confinante che sia coltivatore diretto e che coltivi il fondo stesso. Per conoscere la proprietà dei terreni deve fare le visure ipocatastali e magari può rivolgersi ad un geometra. Per sapere se ci sono contratti regolari di affitto può rivolgersi all’Agenzia delle Entrate in quanto vanno registrati.

    • oby67 ha detto:

      Buongiorno, dovrei acquistare un terreno agricolo di circa un ettaro, con la possibilità di edificare una civile abitazione (400 mc), grazie ad un piano di recupero di annessi. Il proprietario ha già pagato gli oneri di urbanizzazione ed ha frazionato il terreno in due particelle di 4800 dove è possibile edificare e 5200 mq confinante con un altro terreno il cui proprietario risulta essere un coltivatore diretto, nudo proprietario. Volevo sapere se il frazionamento può risultare artificioso e dar luogo alla prelazione anche della particella non confinante. Altresì nel preliminare (da inviare al confinante), essendo il terreno accatastato tutto come agricolo, dovrei pagare come privato il 15% di imposta; nell’ipotesi che il proprietario venda il terreno a € 100.000 compresivi di € 30.000 di oneri di urbanizzazione già pagati al Comune, questi ultimi possono essere scorporati in qualche modo, cosi da pagare l’imposta del 15% solo su 70.000, risparmiando una bella cifra di tasse e risultare comunque nella proposta di acquisto da inviare al confinante eventualmente in forma di rimborso oneri o altro.
      Grazie per le eventuali risposte e consigli.

      • notaio ha detto:

        La prelazione si ha solo tra terreni tra loro confinanti. Quanto al suo secondo quesito l’imposta di registro va versata all’agenzia delle entrate e non ha nulla a che vedere con gli oneri di urbanizzazione che si pagano al comune. L’imposta di registro si paga sul prezzo di vendita, quindi dovete stabilire qual è il prezzo di vendita: 100.000 o 70.000?

    • fabernoni ha detto:

      Buongiorno,
      sto vendendo un lotto di terreno agricolo che ha 2 confinanti ed in merito volevo porle alcuni semplici quesiti:
      1) Il primo confinante è una srl agricola che possiede una PEC. Se io notifico il diritto di prelazione attraverso PEC va bene ugualmente o sono costretto ad usare una raccomandata?
      2) e’ obbligatorio il compromesso di vendita registrato oppure è sufficiente una scrittura privata firmata dalle parti dove vengono indicati tutti i dati e le condizioni?
      3) Del secondo confinante conosco per visura solo il nome, è un cittadino privato, ma finora tutti i miei sforzi per rintracciarlo sono risultati vani e non so neppure se sia coltivatore diretto o no, come posso fare?
      Grazie per le eventuali risposte e saluti

      • notaio ha detto:

        Quesiti semplici? Per fortuna non mi ha mandato quelli complicati! Comunque: 1) non c’è scritto da nessuna parte come eseguire la notifica. Io di solito suggerisco il massimo, e cioè l’ufficiale giudiziario. 2) Molti mandano una semplice lettera raccomandata riassuntiva, ma è meglio la copia del preliminare, anche senza nessuna parola di accompagno. 3)Con nome e data di nascita si può fare una ricerca anagrafica su tutto il territorio nazionale. Se non riesce neppure così non rimane che incrociare le dita.

    • jack ha detto:

      Salve. Vorrei porle la seguente domanda: sto acquistando dei terreni agricoli che sono dati in concessione/comodato d’uso (senza affitto) ad un terzo per lo sfalcio dei prati. Questa persona terza riceve i fondi europei adibiti a tale attività. Non coltiva i terreni ma semplicemente li sfalcia, senza appunto pagare affitto. Non è, inoltre, un confinante. Può esercitare il diritto di prelazione nella compravendita del terreno? Grazie per la sua disponibilità

      • notaio ha detto:

        Così come mi dici la risposta è negativa. Ma se il comodato non risulta da scrittura privata avente data certa il terzo può sostenere che ci si trova in condizione di affittuario (anche senza che risulti il canone)e di solito i tribunali gli danno ragione

    • FRANCESCO GIORDANO ha detto:

      Buongiorno Notaio, leggendo i vari commenti vorrei chiarimenti circa 2 aspetti.
      Se il confinante del fondo in vendita è un coltivatore diretto ma vi confina con una proprietà non coltivata, totalmente pavimentata con sua abitazione, ha diritto di prelazione sul fondo agricolo in vendita?
      Se la vendita congiunta di 2 particelle catastali di due germani (solo una particella direttamente confinante con un coltivatore diretto su particella coltivata) il confinante deve fare l’offerta su entrambe le particelle o solo su quella confinante violando il preliminare di vendita?

      • notaio ha detto:

        È necessario che il coltivatore diretto, oltre a essere proprietario del fondo confinante con quello offerto in vendita, lo coltivi personalmente. Non è sufficiente che egli abbia la qualifica di coltivatore diretto in relazione ad altri fondi da lui coltivati. La prelazione spetta solo al proprietario del fondo confinante che lo coltiva direttamente, non essendo sufficiente che egli eserciti l’attività di coltivatore diretto su fondi diversi rispetto a quelli confinanti. La prelazione riguarda entrambe le particelle in quanto, con molta probabilità, il proprietario non sarebbe disposto o non avrebbe alcun interesse alla vendita frazionata. Voglio dire che il confinante non può “scegliersi” su cosa esercitare la prelazione, ma deve accettare in blocco il preliminare, qualsiasi pattuizione vi sia contenuta

    • Bruno Catini ha detto:

      Buongiorno, dovendo vendere un piccolo appezzamento di terreno che confina per un lato a una strada vicinale chiedo cortesemente se devo considerare “confinante” anche il proprietario del terreno dal lato opposto della strada vicinale, il mio dubbio consiste nel fatto che non so se solo i tre confinanti diretti vanno informati oppure anche il quarto al di la della strada.
      Grazie.

      • notaio ha detto:

        Su questo problema sono state scritte dozzine di sentenze della Cassazione. Dipende purtroppo dalla strada: se è una autostrada a 6 corsie è evidente che viene meno la ratio dell’accorpamento delle unità culturali, se invece è una stradina interpoderale è logico che essa non rilevi.

    • Christian ha detto:

      buongiorno! Una questione di termini che mi tocca da vicino, avendo concluso un preliminare per l’acquisto di un terreno per farci la prima casa che il cdu definisce come “terreno a prevalente destinazione agricola” con .”ammissibili puntuali piccoli interventi di edificazione fino a 500 mc”…. io sostengo che il mappale non possa definirsi più come terreno agricolo e quindi che la prelazione agraria non sia un diritto esercitabile nel caso in questionE. Che ne pensa? Grazie

      • notaio ha detto:

        Il fato che lei voglia in futuro costruire su un terreno agricolo (laddove e nei limiti ammessi dalla legge) non toglie la natura agricola del fondo. Se ritiene che il terreno abbia perso la sua natura agricola deve cambiarne in catasto la natura. Non è sufficiente una deduzione, ancorchè di buon senso.

    • ezimas61 ha detto:

      Buonasera. Ho intenzione di vendere insieme due particelle : un fondo rustico e un limitrofo deposito , accatastato però come deposito al catasto urbano. Il fondo non è in fitto, ma lo sono due dei fondi confinanti, i cui proprietari NON sono coltivatori diretti ne’ aziende agricole. Uno dei due fittavoli asserisce di avere diritto alla prelazione agraria. Mi pare abbia torto, alla luce di quanto sopra. Giusto?
      Grazie

      • notaio ha detto:

        Ovvio! I confinanti devono essere coltivatori diretti o società agricole (diverse dall’azienda!)….. e anche proprietari! La prelazione non opera neppure verso i coltivatori diretti confinanti se esse non sono proprietari! Inoltre tenga presente che non si possono scegliere il pezzo di terreno che a loro garba: se avessero diritto devono acquistare anche il deposito

    • Roberta ha detto:

      buongiorno, nel caso di vendita di un terreno agricolo ad uno dei confinanti, è ugualmente necessario notificare agli altri confinanti il contratto preliminare? Gli altri confinanti possono ugualmente esercitare il loro diritto di prelazione?

    • Mt75 ha detto:

      Buongiorno,
      se un fondo confina con un altro in cui il proprietario non è coltivatore diretto ma è dato in affitto ad azienda terza, quest’ultima ha il diritto di prelazione (se gestita da coltivatori diretti)?
      Inoltre l’esercizio della prelazione prevede, immagino, una causa civile per vedere confermato il proprio diritto. Grossomodo i costi di un acquisto sono questi
      – valore del terreno
      – tasse di registro (dai 50 ai 200e. mi pare)
      – tasse sull’acquisto che dovrebbero essere del 16% per non coltivatori
      – spese notarili.
      Nel caso in cui il soggetto A acquisti da B e successivamente C eserciti il diritto di prelazione, che ne è delle spese sostenute da A?
      C dovrà ripagare tutto nuovamente? e’ tenuto a rimborsare A delle spese fatte?

      Grazie

      • notaio ha detto:

        Solo se il terreno offerto in vendita non è affittato ad un coltivatore diretto hanno il diritto di prelazione i coltivatori diretti, le società agricole in cui almeno la metà dei soci sia coltivatore diretto, e gli imprenditori agricoli professionali che siano proprietari di terreni confinanti. La prelazione non spetta quindi all’affittuario del fondo confinante. In ogni caso se il diritto di prelazione viene violato l’avente diritto alla prelazione può riscattare il terreno dall’acquirente entro un anno dalla trascrizione della vendita nei registri immobiliari mediante apposita azione giudiziaria. In tale sede verranno definiti anche i rimborsi e le spese.

    • matteo111 ha detto:

      Buongiorno,
      in caso di fondo di proprietà del genitore (non coltivatore diretto), goduto dal figlio (coltivatore diretto) senza contratto di affitto, spetta la prelazione? a favore di chi?

      • notaio ha detto:

        Il diritto di prelazione spetta innanzitutto al coltivatore diretto che conduce in affitto il terreno offerto in vendita. Senza contratto di affitto non spetta alcun diritto di prelazione essendo esclusa la rilevanza di un rapporto di mero fatto, dovendo la coltivazione essere stata attuata in forza di un titolo valido. Pertanto, in assenza di affittuari coltivatori diretti, la prelazione spetterà ai coltivatori diretti, o società agricole o imprenditori agricoli professionali proprietari di terreni confinanti.

    • Giulio ha detto:

      Salve, le spiego la situazione…. Il mio confinante ha venduto un terreno, l’acquirente (non confinante) ha iniziato ad eseguire semplici lavori ordinari di natura agricola ( Aratura, pulizia deposito, sistemazione impianto irriguo), dato che e’ riportato nel preliminare il possesso immediato. Tutti i confinanti hanno ricevuto da poco (dopo i lavori eseguiti) la notificazione. Nel caso io sia interessato al terreno (avendo il diritto di prelazione) , a chi spettano le spese di questi lavori eseguiti??? Grazie

      • notaio ha detto:

        Se ho ben capito i lavori sono stati eseguiti prima della vendita, anzi addirittura prima della notifica del preliminare. In questo caso non spettano certo ai confinanti che usufruiscono della prelazione: sono questioni tra venditore e primo promissario acquirente.

    • Fred ha detto:

      Buongiorno Sig. Notaio,
      le faccio da subito i complimenti per il blog e per la cortesia e disponibilità che profonde nel rispondere ai nostri quesiti.
      Le illustro il mio caso:
      Stiamo per acquistare terreni con il mio socio che vorremmo intestare al 50% ciascuno come persone fisiche. A breve costituiremo anche una società agricola semplice solo io e lui, dove lui sarà socio amm.re e prenderà qualifica CD o IAP avendone i prerequisiti.
      Tali terreni saranno dati in conduzione alla società.
      Quest’ultima avendo lo status di CD (o IAP) potrà esercitare il diritto di prelazione su eventuali vendite future dei terreni confinanti agli attuali intestati al 50% al sottoscritto e al mio socio ( che sarà CD o IAP)? O dovrebbe essere la società stessa proprietaria dei terreni che ci apprestiamo ad acquistare ?
      Molte grazie, cordialità.

      • notaio ha detto:

        La prelazione spetta anzitutto al coltivatore diretto (o società agricola in cui almeno la metà dei soci sia coltivatore diretto) che conduce in affitto, da almeno due anni, il terreno offerto in vendita. Solo se il terreno non è affittato a un coltivatore diretto (o società agricola), hanno invece il diritto di prelazione i coltivatori diretti (o società agricole in cui almeno la metà dei soci sia coltivatore diretto) proprietari di terreni confinanti. La società agricola avrà quindi diritto di prelazione nel caso di vendita del terreno condotto in affitto, ma non ha diritto di prelazione nel caso di vendita di terreni confinanti. In quest’ultimo caso la prelazione spetta esclusivamente ai proprietari e non a conduttori. Eventualmente spetterà al suo socio.

        • Fred ha detto:

          La ringrazio:
          Due puntualizzazioni:
          – per l’esercizio del diritto di prelazione quando il terreno in vendita è quello in conduzione, il titolo di quest’ultima deve essere l’affitto vero e proprio? non basta il comodato d’uso gratuito, seppur da oltre due anni?
          – sia il caso dell’ultima frase della sua risposta, il mio socio CD o IAP proprietario al 50% del terreno confinante ad un terreno in vendita che voglia esercitare il diritto di prelazione, deve poi acquistarlo per se stesso al 100% o potrebbe acquistarlo solo per il 50% e l’altro 50% sempre io, suo socio?

          Grazie ancora , buona giornata

          • notaio ha detto:

            La legge prevede solo il caso di prelazione del coltivatore diretto che CONDUCE IN AFFITTO, nulla dice per il comodato quindi è esclusa. Se solo il suo socio ha i requisiti per la prelazione solo lui può esercitarla acquistando il terreno al 100%.

    • luca36 ha detto:

      Buonasera, in famiglia possediamo dei terreni agricoli a compendio unico che vorremmo vendere per ca 5 ha.
      Tutti i confinanti sono agricoltori ed anche (ma non lo sappiamo per certo) chi ci cura il terreno a livello informale.
      Nell’inviare le lettere raccomandate ai confinanti ed alla persona che cura il terreno, mi sono chiesto e mi è venuto il dubbio se il fatto di inviare la raccomandata a chi lo cura non sia una tacita ammissione di affitto a questa persona.
      Cioè se inviamo la raccomandata, non è che poi questa persona avanza pretese del tipo che anche se dovesse rinunciare al diritto di prelazione non se ne va poichè lo starebbe coltivando e la raccomandata ne sarebbe la prova di riconoscimento da parte dei proprietari?
      La ringrazio anticipatamente

      • notaio ha detto:

        E’ difficile immaginare come interpreterà la notifica questa persona che cura il terreno. Comunque Il contratto di affitto presuppone un pagamento di un canone di locazione. Questa persona paga un canone oppure no? Se non paga alcun canone non si può parlare di contratto di affitto ma semmai di comodato d’uso gratuito. In ogni caso, se non vi è un regolare contratto di affitto, perchè mai dovreste comunicargli l’intenzione di vendere il terreno?

        • luca36 ha detto:

          Innanzitutto grazie della risposta.
          Ma la prelazione non produce effetti anche con le situazioni di fatto, se dimostrabili?

          • notaio ha detto:

            Il problema sarà probatorio e la situazione di fatto dovrà essere dimostrata in sede di giudizio. Lei contesterà l’esistenza dei requisiti per la prelazione agraria e l’altra parte dovrà invece dimostrarne l’esistenza. Sarà il giudice a decidere valutando tutte le circostanze del caso.

    • marare ha detto:

      Buongiorno notaio,
      il mio quesito riguarda il diritto di prelazione su un mio terreno agricolo espresso tramite raccomandata da un confinante proprietario di una particella dove insistono immobili e censita dal catasto fabbricati del Comune alla categoria D/6. Questa particella confinante vede la proprietà al 50% tra due sorelle.
      Al proposito chiedo:
      – le due sorelle, per esercitare la prelazione, devono specificare nella raccomandata a me inviata la motivazione (coltivatore diretto – contributi agricoli – ecc.) ?
      – un altro confinante non ha ritirato la mia raccomandata dove notificavo il compromesso stipulato con il compratore. Ci sono tempi per la decadenza alla sua prelazione ?
      Ringrazio per la sua disponibilità.

      • notaio ha detto:

        Per l’esercizio della prelazione non è necessario che il confinante rappresenti la sussistenza dei requisiti. Devono però averli e dimostrarli se lei ne contesta l’insussistenza. Per il secondo punto: rifaccia la notifica per ufficiale giudiziario, metodo che ha la presunzione di conoscibilità anche in caso di mancato buon fine.

        • marare ha detto:

          Buongiorno Sig. Notaio, per chiarimento:
          – la prelazione è in essere anche se il confinante è proprietario di una particella individuata dal catasto comunale nella categoria D/6 ?
          – la raccomandata inviata al confinante per la notifica del compromesso di vendita, se non ritirata e successivamente restituita come non ritirata, ha valore giuridico per la rinuncia al diritto della prelazione ?
          Ringrazio, cordialità.

          • notaio ha detto:

            Il proprietario confinante deve essere coltivatore diretto e coltivare il fondo confinante. I requisiti in dettaglio sono nel mio articolo. Diversamente non ha diritto alla prelazione. Ci sono dubbi sul significato di tacita rinuncia dovuto al non ritiro della raccomandata. Suggerisco la notifica per ufficiale giudiziario.

    • Ernesto ha detto:

      Buona sera,
      sono coltivatore diretto e sto per acquistare un’azienda di 70 ettari. L’azienda è condotta da un coltivatore diretto proprietario per 9/10 mentre la restante parte è di proprietà di una sorella. La parte della sorella non è definita ma è parte di alcune particelle (1/4 su alcune particelle e 1/12 su altre).
      La prima domanda è se un confinante coltivatore può esercitare la prelazione solo sulla quota della sorella o è obbligato su tutta l’azienda.
      La seconda domanda è se il Notaio facesse due atti per liquidare separatamente i due proprietari (richiesta dei venditori), come potrebbe essere esercitata la prelazione dai confinanti coltivatori.
      Ringrazio e porgo cordiali saluti.

      • notaio ha detto:

        Suppongo che i 70 ettari siano un corpo unico. Ebbene, poichè la prelazione non può esercitarsi solo su alcune parti, ma deve ricomprendere tutto quanto sia contenuto nella promessa di vendita, se esiste un confinante avente diritto alla prelazione, deve acquistare tutti i 70 ettari.

    • LorenzoS ha detto:

      Buongiorno Sig. Notaio,

      Ho l’intenzione di acquistare un terreno agricolo composto da varie particelle, e da un immobile residenziale situato nel mezzo dei terreni agricoli. Mi conferma che se uno dei confinanti CD volesse esercitare il diritto di prelazione, dovrebbe farlo sull’insieme della proprietà oggetto della vendita, quindi incluso l’immobile residenziale? Oppure puo esercitarla solo sui terreni agricoli?

      Cordiali saluti

    • luca36 ha detto:

      Buonasera, in famiglia possediamo dei terreni agricoli a compendio unico che stiamo per vendere ad una persona interessata per ca 5 ha.
      Tutti i confinanti sono agricoltori ed anche (ma non lo sappiamo per certo) chi ci cura il terreno a livello informale.
      Nell’inviare le lettere raccomandate ai confinanti ed alla persona che cura il terreno, mi sono chiesto e mi è venuto il dubbio se il fatto di inviare la raccomandata a chi lo cura non sia una tacita ammissione di affitto (o di riconoscimento di un diritto che non c’è) a questa persona.
      Cioè se inviamo la raccomandata al signore che cura il terreno e che forse escluderebbe dal diritto tutti i confinanti, non è che poi questa persona avanza pretese del tipo che anche se dovesse rinunciare al diritto di prelazione non se ne va poichè lo starebbe coltivando e la raccomandata ne sarebbe la prova di riconoscimento da parte dei proprietari?
      La ringrazio anticipatamente

      • notaio ha detto:

        Bella domanda! Che non è la prima volta che mi si presenta. Direi che giuridicamente la raccomandata a chi non ha diritto certo non gli fa nascere alcun diritto. Però psicologicamente è un fattore pericoloso, anche alla luce della giurisprudenza in materia agraria, spesso contraddittoria. Si tratta di una scelta vostra che non potete delegare a nessuno e che dovete assumere ponderando tutti i fattori.

    • nadiab ha detto:

      Buongiorno signor Notaio!
      Ho recentemente acquistato l’altrà metà di una casa di montagna con annesso terreno agricolo. (la prima metà e’ già di mia proprietà da anni e ristrutturata)
      Nell’atto la metà casa acquistata e il terreno sono stati indicati pertinenziali alla mia proprietà precedente poiché probabilmente verrà adibita a deposito. La metà acquistata è in cattive condizioni, mai stata abitata e con tetto che sta per crollare.
      Solo ora vengo a sapere del possibile diritto di prelazione che potrebbe far valere entro un anno un confinante (coltivatore con azienda agricola- ha alberi di natale nel fondo confinante)..
      a parte la verifica se effettivamente questo confinante sia interessato e abbia realmente questa prelazione, se io facessi dei lavori per messa in sicurezza dell’edificio, in caso di riscatto i costi mi verrebbero rimborsati? da chi?
      Non mi è ben chiaro inoltre se la prelazione eventualmente varrebbe su terreno e edificio o solo sulla particella del terreno, perché tutt al più potrei essere già contenta di tenermi almeno quella..
      Ringrazio anticipatamente.
      Cordiali saluti.

      • notaio ha detto:

        Le sue domande non sono di semplice risposta in quanto le norme sulla prelazione agraria sono poche e datate e non disciplinano affatto tutte le possibili fattispecie che possono presentarsi nel caso concreto. Poi ci sono tantissime sentenze in cui i giudici hanno fornito le loro interpretazioni, spesso contrastanti, per colmare le lacune normative. In caso di esercizio del diritto di riscatto lei ha sicuramente diritto al rimborso delle spese sostenute per le migliorie. In alcune sentenze si legge che al terzo acquirente che ha subito il riscatto spetta solo un’indennità per i miglioramenti apportati commisurata al minor importo tra lo speso e il miglioramento dovendosi ritenere che l’omessa verifica da parte dell’acquirente del fondo agricolo della sussistenza in capo a terzi di un diritto di prelazione agraria sul fondo compravenduto costituisce colpa grave escludente il possesso di buona fede. Le consiglio quindi di attendere il decorso dell’anno. Anche in merito al suo secondo quesito bisogna ricorrere alle sentenze delle corti. Si ritiene che l’esistenza di un fabbricato sul fondo non esclude la prelazione, se esso è strumentale alla coltivazione del terreno (fabbricato rurale o casa colonica). Quindi può comunemente ammettersi che se il fabbricato è accatastato al catasto terreni è soggetto alle norme sulla prelazione, se invece è accatastato all’urbano, esso ha perso il suo connotato di fabbricato rurale e, come tale, la costruzione non rientra tra gli immobili a cui è applicabile la prelazione agraria.

        • luca36 ha detto:

          Ma l’omessa verifica da parte dell’acquirente del fondo fa ricadere in qualche maniera la responsabilità sul venditore?
          In pratica chi dovrebbe verificare l’esistenza del diritto di prelazione, il venditore o l’acquirente? A me verrebbe da pensare che visto che il notaio che stipulerà l’atto è scelto dalla parte acquirente, la verifica degli eventuali aventi diritto sia in capo alla parte acquirente, soprattutto se come spesso avviene chi acquista dovrà investire sul bene.
          Oppure l’omessa verifica fa ricadere la repsonsabilità sulla frase che si mette in calce all’atto di vendita che il venditore garantisce che il bene è libero da…
          Va esplicitato nell’atto che questa verifica non è stata fatta? e se non viene esplicitato il venditore rischia di essere chiamato in causa in caso di prelazione?

          • notaio ha detto:

            Purtroppo il venditore ha l’obbligo di verificare l’esistenza di aventi diritto e di metterli in grado di esercitare la prelazione con le dovute notifiche. Se non lo fa l’avente diritto ha un anno di tempo per esercitare il riscatto (non si chiama più prelazione) ed è responsabile dei danni dell’acquirente. Si può mettere in atto che l’acquirente è conscio del rischio ed esonera il venditore da responsabilità

    • Natascia ha detto:

      Buongiorno,

      io sono proprietaria di un terreno agricolo che vorrei vendere a una persona non agricoltore ,tale terreno e’in questo momento in affitto con contratto di 5 anni che scadranno a novembre del 2017,i ragazzi che hanno in affitto mi hanno scritto la rinuncia della prelazione,la domanda e’posso vendere a chi voglio oppure i confinanti comunque hanno diritto alla prelazione?

      • Natascia ha detto:

        In attesa di una risposta

      • notaio ha detto:

        Se i confinanti sono coltivatori diretti e coltivano il fondo confinante la risposta è senz’altro affermativa. Tenga presente che è molto dubbia anche la validità della rinuncia degli affittuari.

        • Natascia ha detto:

          Grazie per la risposta, ma comunque non riesco a capire, la caf(coldiretti) della mia città mi ha assicurato di stare tranquilla, che posso vendere soltanto prima che finisca il contratto di affitto, che i confinanti non possono chiedere la prelazione finché il terreno sarà in affitto. Perché dopo l atto anche l acquirente darà in affitto ai coltivatori

          • notaio ha detto:

            Il suo metodo dei quesiti multipli è sbagliato, e la porterà sicuramente fuori strada. Vada da un professionista di cui ha fiducia, le esponga il problema e si attenga ai suoi consigli. Comunque ribadisco che il venditore deve notificare la proposta di acquisto agli affittuari e ai coltivatori confinanti. Se i primi non esercitano la prelazione il diritto passa ai confinanti. Sconsiglio la rinunzia scritta anticipata da chiunque perchè la Cassazione richiede necessariamente lo spatium deliberandi.

    • FRANCESCO GIORDANO ha detto:

      Buongiorno notaio, devo vendere un lotto di terreno e nel preliminare mi chiedono una prova certa ed inconfutabile della avvenuta rinuzia c.d. prelazione agraria da parte degli aventi diritto. Mi trovo in difficoltà in quanto non so a chi far firmare la c.d. rinuncia. Il terreno in vendita non é coltivato e non vi sono: 1) lotti di terreno coltivati confinanti 2) coltivatori diretti proprietari di terreni confinanti con i requisiti di legge richiesti per la prelazione. In pratica non vi sono aventi diritto alla prelazione. Che rispondo? É sufficiente a questo punto dichiarare che non vi sono aventi diritto alla prelazione nell’atto di vendita? Grazie

      • notaio ha detto:

        Se il terreno in vendita non è condotto in affitto da un coltivatore diretto e non vi sono confinanti coltivatori diretti è sufficiente dichiarare che non vi sono aventi diritto alla prelazione agraria. La rinuncia da parte dell’eventuale avente diritto non è ammessa dalla legge.

    • abhart ha detto:

      Innanzitutto buon gg a tutti.
      Vorrei vendere un piccolo terreno di Prato e bosco.
      I miei confinanti non sono coltivatori diretti.
      Devo comunque avvisarli?
      Se uno di loro divenisse coltivatore diretto entro un anno avrebbe poi il diritto di prelazione anche se al momento della stipula non lo era e non era stato informato?
      Grazie e un saluto.

    • abhart ha detto:

      Ok , grazie.
      Per essere chiari e sintetici , che forse servirá a molti ,
      Se non si è coltivatori diretti non si ha alcun diritto !!!
      Sia che si confini con terreni o con la casa se non si è coltivatori non si hanno diritti !!!
      Giusto?
      Grazie ancora e un saluto.

    • gigabob ha detto:

      Buongiorno, un informazione : ho stipulato un contratto d’affitto per dei terreni a partire dal 10 novembre 2017, nel frattempo però il proprietario che è tutt’ora conduttore, ha venduto questi terreni a una terza persona. Avevo diritto alla prelazione?
      Secondo quesito: ho rinunciato al diritto di prelazione su dei terreni che conduco in affitto con contratto pluriennale, dopo aver ricevuto l’atto preliminare di compravendita dei terreni stessi. Volevo sapere , quello che ha acquistato è obbligato a sottostare a tutto quello scritto nell’atto giusto? Per quanti anni non può rivendere il terreno?

      • notaio ha detto:

        Lei attualmente non è ancora l’affittuario e quindi non ha diritto alla prelazione. La legge inoltre prevede che l’affittuario deve coltivare il fondo da almeno due anni. Quanto al secondo quesito non ci sono limiti di tempo alla rivendita del terreno a meno che non sia stato stabilito convenzionalmente dalle parti o l’acquirente abbia usufruito di qualche agevolazione che prevede limiti temporali di vendita.

    • gnw ha detto:

      Buonasera,
      mi permetta innanzitutto di ringraziarLa per il Suo prezioso aiuto.
      Premetto di essere coltivatore diretto, ho acquistato un terreno a marzo 2016. dopo qualche giorno ho saputo che i miei nuovi vicini avevano già comunicato l’intenzione di vendere a tutti i confinanti allegando copia di un preliminare sottoscritto a gennaio 2016 e che permetteva di perfezionare l’acquisto entro giugno 2017. preciso che la parte acquirente non aveva nessun diritto di prelazione. Chiedo immediatamente al mio venditore se ha ricevuto comunicazioni in merito prima del perfezionarsi della nostra vendita, vengo a sapere che la comunicazione è stata spedita ma ad un cugino omonimo del venditore che risiede a ben 1200 km di distanza. Immediatamente invio missiva ai confinanti chiedendo di esercitare diritto di prelazione in caso di vendita non avendo ricevuto nessuna comunicazione al riguardo. Nonostante tre missive inviate nell’arco di 15 mesi non ho mai ricevuto risposta, oggi vengo a sapere che il terreno sulla base di quel preliminare è stato venduto. Sto aspettando la riapertura dello studio notarile in modo da poter richiedere copia dell’atto e impugnarlo. Secondo Lei ho termini per poter procedere o il venditore del terreno confinante ha agito correttamente?
      Ovvio che mi sono rivolto ad uno studio legale ma sono sicuro che il Suo prezioso parere possa guidarmi per il meglio.
      Nel ringraziarLa nuovamente, porgo cordiali saluti

      • notaio ha detto:

        Oltre ad essere proprietario del fondo confinante ed essere coltivatore diretto, la legge richiede anche altri requisiti. In particolare il confinante deve coltivare il fondo da almeno due anni e il fondo per il quale il confinante intende esercitare la prelazione, in aggiunta a tutti gli altri da lui posseduti in proprietà od enfiteusi, non deve superare il triplo della superficie corrispondente alla capacità lavorativa della sua famiglia. Valuti anche queste circostanze con il suo avvocato il quale saprà sicuramente consigliarla al meglio. I termini per il riscatto (l’impugnazione non c’entra) sono comunque di un anno dalla vendita

    • Leonardo13 ha detto:

      Buona sera..
      Con un contratto di affito di fondo rustico di 9 mesi si può esercitare il diritto di prelazione sull’affito..??
      Art 4 bis.

    • esseci ha detto:

      Buongiorno,

      ho firmato 2 preliminari per la compravendita di un complesso costituito da un fabbricato vincolato DL 42/2004 e un’ altro fabbricato non vincolato. Il primo immobile ha dei terreni divisi in varie particelle. L’immobile non vincolato ( class C6 e C2) ha un terreno, in parte pertinete + un’altra particella . Questa particella e’ confinante con una vigna (coltivatore diretto ). I 2 immobili e relativi terreni hanno intestatari diversi ( coniugi e figlio ). Un preliminare e’ vincolato all’accetazione dell’altro. Detto cio’, i venditori mi stanno chiedendo di comunicare la prelazione al coltivatore dell’ intero complesso.( follia !? ). Come mi consiglia di agire ?Grazie

    • Ally ha detto:

      buondì!
      complimenti per il suo blog. lo trovo molto interessante ed utile!
      la questione:
      – può esercitare il diritto di prelazione agraria colui che coltiva abitualmente il fondo ma non possiede formalmente la qualifica di coltivatore diretto?
      – il diritto di prelazione può essere esercitato solo su una particella confinante compresa nel compendio oggetto di compravendita, se la vendita riguarda l’intero fondo? preciso che le varie particelle del fondo non sono contigue e sono costituite da alcune incoltivabili ed improduttive e altre invece coltivabili, tra cui quella oggetto di contestazione ove insiste una fonte di approvvigionamento di acqua! l’acquirente ha comprato in blocco anche se non tutte le particelle erano economicamente appetibili.
      grazie

      • notaio ha detto:

        No, tra i requisiti soggettivi per aver diritto alla prelazione agraria vi è quello di essere in possesso della qualifica di coltivatore diretto (o società agricola o imprenditore agricolo professionale). Quanto al secondo quesito, la giurisprudenza ha avuto modo di pronunciarsi varie volte sull’argomento, stabilendo che la prelazione deve normalmente essere esercitata per l’intero fondo offerto in vendita che abbia natura agricola.
        Grazie per i suoi complimenti!

    • salvatorangelo ha detto:

      buongiorno e complimenti per tutto! Avrei bisogno di una sua preziosa informazione riguardante la prelazione agraria. Sono confinante di un immobile agricolo che sta per essere messo in vendita; oltre a me c’e’ anche un altro confinante coltivatore diretto (che ha piu’ di 40 anni). Io ho 72 anni e sono pensionato da alcuni anni come coltivatore diretto. Nonostante cio’, sono titolare ancora una piccola azienda agricola, ho la partita IVA, pago annualmente la camera di commercio, ma non verso piu’ contributi previdenziali.La mia qualifica attuale e’ di PICCOLO IMPRENDITORE COLTIVATORE DIRETTO (SEZIONE SPECIALE).
      La mia domanda e’ questa: ho anche io lo stesso diritto di prelazione (per l’acquisto di questo terreno) dell’altro confinante a parita’ di condizioni oppure ha piu’ diritto lui avendo la qualifica di COLTIVATORE DIRETTO?
      La ringrazio anticipatamente

      • notaio ha detto:

        La prelazione del confinante è riconosciuta a tutti i confinanti coltivatori diretti. Non capisco la differenza tra la sua qualifica di coltivatore diretto e quella dell’altro confinante. L’unico problema potrebbe essere il fatto che non paga più i contributi previdenziali in quanto l’agenzia delle Entrate richiese espressamente l’attestato INPS ai fini del riconoscimento delle agevolazioni fiscali in sede di acquisto.

    • francesco marongiu ha detto:

      Salve Notaio, le scrivo perché mi è sorto un dubbio per quanto riguarda l’argomento trattato. Cosa succede se il coltivatore diretto avente diritto di prelazione risponde positivamente alla raccomandata mandata dal proprietario ma non paga la somma entro novanta giorni? Decade come avente diritto o è obbligato a pagare? La ringrazio per l’attenzione, cordiali saluti

    • Ugo Zorzin ha detto:

      Gentile Notaio d’Ambrosio Buongiorno,
      vorrei porle una domanda in merito a quanto letto finora nei post.

      Sono un coltivatore diretto che coltiva da più di 20 anni un appezzamento di terreno confinante con un altro apprezzamento non di mia proprietà e coltivato da un altro coltivatore diretto di cognome Romano Luca.
      Sono venuto a conoscenza, direttamente dal sig. Luca, che il proprietario del terreno ha venduto l’appezzamento agricolo ad un’altra persona e lo stesso proprietario aveva chiesto in precedenza al Sig. Luca se era interessato all’appezzamento. Luca gli aveva comunicato che non era interessato all’acquisto e non aveva intenzione di avvalersi del diritto di prelazione.
      Ora tutto quanto detto sopra tra il Sig. Luca ed il proprietario del terreno è stato fatto a livello esclusivamente verbale.
      Domanda: posso avvalermi io del diritto di prelazione anche se, ad oggi, il Sig. Luca non ha ricevuto alcuna raccomandata (o altro scritto in merito) di un preliminare di compravendita? Il terreno, al fine di avvalermi della prelazione come confinante, deve necessariamente essere libero dal contratto di affitto tra il Sig. Luca ed il proprietario?
      Oppure avendo rinunciato verbalmente il Sig. Luca posso subentrare come avente diritto alla prelazione?

      La ringrazio per la collaborazione ed in attesa porgo cordiali saluti

      Ugo Zorzin

      • notaio ha detto:

        La prelazione spetta in primis all’affittuario del fondo posto in vendita e poi al PROPRIETARIO del fondo confinante. Se lei è il proprietario del fondo confinante quello venduto ha diritto di prelazione, altrimenti no.

    • Diabolik10 ha detto:

      Gentile Notaio,
      fatta una vendita di diversi terreni agricoli limitrofi (chiamiamoli A, B, C) e, nello stesso atto di vendita anche di un altro terreno (D) non confinante con questo primo “lotto” (distante circa 400 metri in linea d’aria) dal lotto di A, B, C. può coltivatore diretto, confinante di D, esercitare il diritto di prelazione ANCHE sul lotto A,B,C oppure può esercitarlo solo sul terreno D?
      Tutti i terreni sono stati venduti a corpo, e non a misura.
      Spero di essere stato chiaro
      Graize

    • Mt75 ha detto:

      Buongiorno, complimenti e grazie per le informazioni che dà tramite il suo blog. Le chiedo una chiarimento su quella che forse non è un argomento di questa sezione: esiste la prelazione da parte di un coerede? Il caso in questione riguarda un terreno ereditato da 4 fratelli e rimasto indiviso. Due di questi sono venuti a mancare e un terzo decide di vendere la sua quota del terreno. I figli dei due fratelli che sono morti, sono considerati coeredi ed hanno la possibilità di esercitare una prelazione? La persona che vende dovrebbe notificare a tutti come nel caso di coltivatori diretti confinanti l’intenzione di vendere? Grazie.

    • Giorgio1 ha detto:

      Gentile Notaio, le richiedo, cortesemente:
      1- un modello di contratto preliminare di compravendita da inviare al confinante avente diritto di prelazione;
      2- circa le modalità della notificazione, se sia possibile che io (proprietario venditore) inoltri tal preliminare di compravendita a mezzo di Raccomandata A/R.
      3- se tal compromesso va inviato al proprietario del fondo vicino oppure all’affittuario dello stesso (il mio vicino è proprietario ma lo ha affittato a terzi)
      grazie

      • notaio ha detto:

        Non posso di certo inviarle una bozza di compromesso senza avere un formale incarico professionale. Quanto alle modalità di notifica, l’art. 8 della legge 590/65 prescrive che l’obbligato debba “notificare con lettera raccomandata al coltivatore la proposta di alienazione trasmettendo il preliminare di compravendita in cui devono essere indicati il nome dell’acquirente, il prezzo di vendita e le altre norme pattuite compresa la clausola per l’eventualità della prelazione”. La prelazione spetta in primis all’affittuario del fondo in vendita, e poi ai confinanti (ma non all’affittuario del fondo confinante). Infine la notifica dovrà essere effettuata per entrambe le particelle.

    Lascia un commento