• L’arrivo del questionario della Agenzia delle Entrate

    questionarioIl terzo incontro della serie, “quando il fisco bussa alla porta”, tratta il cosiddetto “questionario” che il fisco può inviare ai contribuenti ai sensi del n. 4) dell’Art. 32 del D.P.R . 600/73. L’art. 32 disciplina i poteri dell’Agenzia delle Entrate, come gli inviti a comparire di persona, gli inviti a depositare documenti, le richieste a richiedere informazioni sui rapporti bancari, gli accessi, le ispezioni e le verifiche. Queste ultimi tre “poteri”, per la loro “invasività”, sono trattati specificatamente nell’art. 33 sempre del DPR 600 del 1973, quello che io definisco la Bibbia dell’accertamento. I questionari impegnano direttamente il contribuente con risposte scritte e sottoscritte , pertanto è buona regola prestare estrema attenzione alla modalità di presentazione della risposta. L’art. 32, prevede, inoltre, che i documenti non presentati ed eventualmente richiesti con il questionario, non possono essere utilizzati in una successiva sede contenziosa, ma per fortuna questa norma è stata in parte mitigata da decisioni della giurisprudenza di merito e anche da alcune sentenze della Cassazione. Il video ha un taglio divulgativo e non scientifico, la funzione è quella di far conoscere i vari sistemi previsti dalla legge in materia di accertamento tributario.

    Vedi il canale fiscale-tributario della Dott.ssa Maria Angela Damiani ed iscriviti subito!

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Il notaio Massimo d'Ambrosio vi informa sempre! Votalo con 5 stelle! Grazie!
    [Voti: 0   Media: 0/5]
    L’arrivo del questionario della Agenzia delle Entrate ultima modifica: 2020-06-01T18:23:47+02:00 da notaio



    Vuoi interpellare il notaio Massimo d'Ambrosio per un quesito personale?

    Accedi alla sezione quesiti



    Categoria: Info e novità fiscali

    Articolo precedente:

    Articolo Successivo:


    © Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti inseriti nel presente blog, senza autorizzazione scritta del notaio Massimo d'Ambrosio.

    Lascia un commento